Accedi all'area personale

Capability approach e sostenibilità, un'indagine con i docenti universitari

Novembre 14, 2023

Le ricercatrici Martina Albanese e Lucia Maniscalco, del dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell'Esercizio Fisico e della Formazione dell'Università degli Studi di Palermo, hanno partecipato alla quarta edizione del convegno propone una riflessione sul Faculty Development come strumento di sviluppo dell’università, tenutosi a Genova il 26 e 27 Gennaio 2023. Di seguito si riporta una breve sintesi del contributo presentato: Il Capability Approach (Sen, 1990; Nussbaum, 2002) permette alla persona di scegliere liberamente e responsabilmente quanto meglio esprime la propria libertà di agire e di costruire il proprio e l’altrui sviluppo. Un’autentica educazione centrata sulla persona richiede molto di più dell’impegno attuale che la maggioranza dei paesi pone in essere oggi e che si concentra su un numero ridotto di competenze spendibili, generatrici di profitto.
Particolare significato assume il life-long learning, che diviene azione in grado di rilanciare il tema della qualità della conoscenza, dello sviluppo di competenze per la vita e per la coesione sociale, della sostenibilità, come fattori per una crescita intelligente. L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile in tal senso è un documento cruciale grazie ai 17 Obiettivi individuati. Il life-long learning è una sfida della formazione universitaria che può orientare ogni giovane con l’acquisizione di competenze che gli permettono di autoregolarsi e auto-direzionarsi in vista di un apprendimento profondo (Dozza, 2012; Banks et alii, 2007).
Ciò che accumuna gli studi sulla Faculty Development (FD) e il Capability Approach (CA) in un’ottica di life-long learning, è l’invito per i docenti universitari a formare cittadini attivi, responsabili e capaci di ragionamenti critici e di problem solving.
Per questo motivo, presso l’Università degli Studi di Palermo, è in atto un processo di ricerca volto ad individuare una metodologia formativa che permetta agli studenti una reale e significativa partecipazione sociale. Le azioni di ricerca si articolano in due fasi. La prima fase esplorativa è stata effettuata durante il secondo semestre dell’a.a. 2021/2022, sugli studenti di primo anno frequentanti il corso di docimologia e laboratorio e ha permesso la comprensione di quanto i futuri coordinatori pedagogici conoscano i 17 obiettivi promossi dall’Agenda 2030. Essa è risultata un passaggio di riflessione preliminare che ha preceduto la seconda fase sperimentale, in atto, con gli stessi studenti che in questo a.a. (2022/2023) stanno frequentando il corso di Metodologia della ricerca in campo educativo. L’intervento sperimentale si basa sull'attuazione delle attività/workshop progettati e realizzati utilizzando il CA e si concentra sugli obiettivi dell'Agenda 2030.
La processualità di ricerca attivata vede protagonisti sia studenti sia docenti universitari: un processo bottom up che parte dagli interessi degli studenti e dalla loro autoriflessione e diventa essenziale per il docente universitario che vuole sviluppare una didattica efficace.

Contenuti correlati

Italie Tunisie
Programma ENI di Cooperazione Transfrontaliera Italia Tunisia 2014-2020
Programma cofinanziato dall'Unione Europea
Seguici su
PARTNER DI PROGETTO
Media policy
Note legali
Privacy policy
Mappa del sito